Questo sito utilizza i cookie per migliorarne la consultazione. Come usiamo i cookie e come modificare le proprie impostazioni.

Previsto inizio in ottobre della missione dell’UE per la sicurezza aerea in Sud Sudan

L'Unione europea si sta preparando a lanciare una nuova missione civile nel prossimo mese di ottobre per rafforzare la sicurezza aerea all'aeroporto internazionale di Giuba nel Sud Sudan.


© Fotolia

La nuova missione, denominata EUAVSEC Sud Sudan, è finalizzata a:

- fornire consulenza alle autorità sud-sudanesi in materia di sicurezza aerea;
- impartire formazione agli agenti di sicurezza e di contrasto in servizio presso l'aeroporto;
- fornire assistenza tecnica;
- coadiuvare il coordinamento delle attività di sicurezza.

Secondo l'alto rappresentante dell'UE, Catherine Ashton, la missione EUAVSEC Sud Sudan lavorerà per portare la sicurezza all'aeroporto di Giuba a livelli accettati su scala internazionale. È importante per lo sviluppo economico del Sud Sudan e per gli sforzi tesi a impedire che l'aeroporto diventi un obiettivo del terrorismo.

L'insufficiente rete stradale, per lo più non lastricata, del Sud Sudan, paese privo di sbocchi al mare, è impraticabile durante la stagione delle piogge e mette il paese in condizioni di forte dipendenza dal traffico aereo. Migliorando la sicurezza all'aeroporto di Giuba si consentirà un maggiore afflusso di passeggeri e merci, che rilancerà il commercio e lo sviluppo del paese.

La missione sarà guidata dal danese Lasse Rosenkrands Christensen, che prenderà servizio il 1º settembre. Commissario superiore della polizia danese, il sig. Lasse Christensen ha una grande esperienza internazionale acquisita anche durante una missione ONU in Sudan, dove ha ricoperto per sei mesi il posto di capo dei servizi logisticí.

La missione EUAVSEC Sud Sudan, basata nella capitale Giuba, dispone di un bilancio di 12,5 milioni di EUR e ha una durata prevista di 19 mesi.

Sarà condotta a titolo della politica di sicurezza e di difesa comune dell'UE e rientra nella sua strategia globale di assistenza al paese, diventato indipendente nel luglio dello scorso anno.

A partire dal 2010 l'Unione ha destinato al Sud Sudan 285 milioni di EUR per l'aiuto allo sviluppo fino al 2013, con cui saranno finanziati progetti quali la costruzione di strade, strutture sanitarie e scuole. Fornisce inoltre consistenti aiuti umanitari, con la collaborazione di esperti della Commissione europea che operano sul posto insieme a partner internazionali, tra cui le Nazioni Unite.


Per maggiori informazioni:
Operazioni dell'UE - EUAVSEC Sud Sudan (en)
Decisione del Consiglio relativa alla missione dell’UE per la sicurezza aerea in Sud Sudan del 20 giugno 2012 (testo integrale in formato PDF)
Conclusioni del Consiglio sulla tabella di marcia per il Sudan e il Sud Sudan del 23 luglio 2012 (testo integrale in formato PDF)
Relazioni UE-Sud Sudan (sito web del SEAE) (en)
L'Unione europea nel sito web delle Nazioni Unite per la nomina del capomissione (en)
Le Nazioni Unite nel Sud Sudan (sito web dell'ONU) (en)
 

 

Aiutaci a migliorare il sito

Hai trovato le informazioni che cercavi?

Sì    No


Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?